Idiomas

Italiano | Club de conversación


    Tutta un’altra storia


Parliamo di storia, ma della storia dell’Italia degli ultimi 150 anni, dall’Unità a oggi, raccontata però non dagli storici ma dai più grandi autori italiani contemporanei. Andrea Camilleri, Carlo Luccarelli, Melania Mazzucco, Alessandro Baricco, Dacia Maraini, Sandro Veronesi, Giancarlo De Cataldo e Francesco Piccolo ripercorrono i momenti più significativi della storia italiana, regalandoci un’interpretazione unica degli eventi che hanno cambiato l’Italia. La lettura degli otto romanzi storici di questi autori (uno per studente) verrà accompagnata da un materiale video inedito, con filmati dell’epoca in studio, nonché da esercitazioni sulla lingua e spazi di conversazione.

Docente: prof. NÉSTOR SAPORITI



Sede: Centro – Junín 222
Giorno e orario: mercoledì dalle 09:00 alle 12:00
Data di inizio: 27/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 30-617-001




    In giro per l’Italia: percorso attraverso le regioni italiane


Un viaggio culturale per conoscere più profondamente la cultura italiana nei suoi usi, costumi, tradizioni, geografia e, particolarmente, nella sua letteratura. Ognuna delle venti regioni saranno “percorse” mediante testi autentici tratti da quotidiani, riviste, libri, siti internet, interviste audio nonché documentari, che offriranno agli studenti l’occasione di arricchire il loro bagaglio culturale e linguistico. Il seminario, inoltre, prevede la lettura di almeno un romanzo (uno diverso per ogni partecipante), la cui trama sarà chiaramente inserita nel contesto geografico della regione scelta.

Docente: prof. NÉSTOR SAPORITI



Sede: Centro – Junín 222
Giorno e orario: giovedì dalle 13:00 alle 16:00
Data di inizio: 28/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 30-617-002


    Fantastico italiano


Un viaggio nella narrativa fantastica italiana del Novecento attraverso la lettura dei suoi racconti più perfetti e inquietanti. Alberto Savinio, Luigi Pirandello, Tommaso Landolfi, Dino Buzzati sono alcuni degli autori che si affronteranno, permettendo di conoscere un aspetto importante e trascurato della letteratura italiana.Testi principali: Notturno italiano. Racconti italiani del Novecento, a cura di Enrico Ghidetti e Leonardo Lattarulo, Editori Riuniti, 1984; Racconti fantastici del '900, a cura di Giuseppe Lippi, Mondadori, 2009.

Docente: prof. ORAZIO LEOGRANDE

Sede: Facultad de Agronomía – Avenida San Martín 4453 – Pabellón Parodi
Giorno e orario: sabato dalle 10:00 alle 13:00
Data di inizio: 30/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 31-617-001




    Un soffio di quotidianità


Camminare, andare, passeggiare, viaggiare, muoversi. Ne vale la pena, sì,solo se si va ad occhi aperti, anzi spalancati. Osservare accuratamente il mondo mentre si è in movimento risulterebbe difficile perché lo stesso movimento non ci permetterebbe di fissare: tuttavia esiste chi ha la capacità di catturare l´istante, di fare focus laddove nessuno ha visto. Ed ecco la proposta di questo seminario: scattare una foto all´improvviso, senza pose, al naturale. Mario Soldati, forse da regista cinematografico, ha tentato di muoversi per il mondo vedendo.Toccherà a noi andare a mettere occhio dietro la sua lente, nella vita quotidiana, nei gesti dei personaggi più semplici o più complessi che girovagano per il mondo. Abiti, costumi, bugie, miserie, divertimenti, cibi, vini, tradizioni, ipocrisie, che girano in una giostra da Luna Park. Gli elementi semplici di tutti i giorni, le fatiche quotidiane, le faccende domestiche saranno il contesto succulento di storie di uomini, di donne e del loro fare i conti con la vita. La messa dei villeggianti ci servirà come oggetto di analisi per addentrarci in questa quotidianità.

Docente: prof.ssa MARISA CICCARELLI



Sede: Belgrano – Virrey del Pino 2750
Giorno e orario: martedì dalle 13:00 alle 16:00
Data di inizio: 26/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 32-617-002

Sede: Palermo – Scalabrini Ortiz 2840
Giorno e orario: venerdì dalle 18:00 alle 21:00
Data di inizio: 29/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 37-617-001




    Verso una prospettiva dei VINCOLI :“Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio”


Nell’antica Grecia, la xenia riassumeva il concetto dell’ospitalità e dei rapporti tra ospite e ospitante. Essa si reggeva su un sistema di prescrizioni e consuetudini non scritte, che avevano alla base tre regole:

• il rispetto del padrone di casa verso l’ospite,
• il rispetto dell’ospite verso il padrone di casa,
• la reciproca consegna di un dono.

Così si stabilivano vincoli tra tutti, con ciò che questo comporta: vincoli di pace, di amore, di odio, di tradimento (“disvincoli”), ecc. Così la società (non altro che vincoli tra cittadini) andava avanti. E oggi? Che accade con i vincoli nei tempi di oggi? Questo seminario è un invito a ripensare il concetto di vincolo in un mondo sempre più rinchiuso nell’individuo piuttosto che nel soggetto. Il termine attraverserà tre opere: Gli sdraiati di Michele Serra, La figlia oscura di Elena Ferrante eCronaca familiare di Vasco Pratolini. In questo percorso, la proposta sarà pensare alla contemporaneità con un argomento che ci obbliga a scavarci dentro ma, soprattutto, a guardare necessariamente chi abbiamo accanto.

Docente: prof.ssa MARISA CICCARELLI



Sede: Belgrano – Virrey del Pino 2750
Giorno e orario: mercoledì dalle 19:00 alle 22:00
Data di inizio: 27/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 32-617-006




    Nessuno ama il nunzio di cattive notizie


La lettera è antica quanto la scrittura. O meglio, si può immaginare che la scrittura, una volta inventata, fosse usata non solo per fissare concetti o dati, ma anche per comunicare pensieri e desideri a persone lontane. Infatti abbiamo la prima testimonianza di lettera nel VI libro dell’Iliade: Omero racconta che la moglie di Proito, la divina Anteia, desiderava unirsi in clandestino amore con il giovane Bellerofonte, al quale gli dei avevano donato forza virile e bellezza, ma Bellerofonte non si lasciò sedurre. Proito, al quale la moglie, mentendo, confessa di essere stata sedotta dal giovane, preso d’ira ma non potendo uccidere il giovane suo ospite in quanto persona sacra, lo manda dal suocero, re della Licia, con tavolette ripiegate con cura su cui era scritto che Bellerofonte doveva essere ucciso; il mittente dava dettagliate istruzioni al suocero e, probabilmente, gli spiegava anche il motivo di una tale richiesta. La prima lettera dell’antichità ha dunque il carattere dell’assoluta riservatezza, ed il messaggio che contiene è di estrema gravità. E dopo? Lettere che vanno e vengono, clandestine, private, pubbliche, in libertà, in prigione, provocatorie, amichevoli, amorose... Un mondo di frasi che diventa un crittogramma da decifrare. Il presente seminario ci farà tuffare nel mondo del genere epistolare, ci inviterà a “ficcare il naso” nella vita degli altri, cercando di interpretare cosa avrà voluto dire il mittente nel suo particolare contesto e cosa avrà possibilmente capito il destinatario, e quanti malintesi o meno circolano a partire dalla confezione di questo specifico tipo testuale.

Docente: prof.ssa MARISA CICCARELLI



Sede: Belgrano – Virrey del Pino 2750
Giorno e orario: mercoledì dalle 16:00 alle 19:00
Data di inizio: 27/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 32-617-004


    C’è chi spera e chi si dispera


Dino Buzzati, scrittore bellunese, in un'intervista affermò che lo spunto per scrivere Il deserto dei Tartari era nato «dalla monotona routine redazionale notturna che facevo a quei tempi. Molto spesso avevo l’idea che quel tran tran dovesse andare avanti senza termine e che mi avrebbe consumato così inutilmente la vita. È un sentimento comune, io penso, alla maggioranza degli uomini, soprattutto se incasellati nell’esistenza ad orario delle città. La trasposizione di questa idea in un mondo militare fantastico è stata per me quasi istintiva.» Che senso ha il tempo nel mondo surmoderno? La sfida di questo seminario sarà riflettere sul tempo in un’epoca dove la velocità, l’urgenza, la voragine, la carriera ne ridimensionano il concetto. Che senso ha l’attesa in un mondo dove tutto è vertiginoso? Il romanzo di Buzzati e la sua versione cinematografica ci serviranno da spunto per pensare a questo particolarissimotema.

Docente: prof.ssa MARISA CICCARELLI

Sede: Belgrano – Virrey del Pino 2750
Giorno e orario: sabato dalle 10:00 alle 13:00
Data di inizio: 30/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 32-617-001


    Mannaggia la miseria: Neorealismo e cinema d´autore


Il mondo operaio e contadino, abbandonato nella miseria materiale e nell’arretratezza spirituale e civile, trova un verosimile nei film più classici del cinema italiano, dei registi De Sica, Rossellini, Fellini. La guerra – e con essa le conseguenze della miseria – è stata il primo stimolo a scatenare questo processo volto a documentare realtà nude, crudelissime. Il seminario proporrà l’analisi di alcuni gioielli del cinema italiano del periodo 1940-50 per riflettere sulla condizione della miseria a fior di pelle. Si terrà particolare attenzione al concetto di Neorealismo inteso come presa di coscenza di quella realtà e dei suoi vincoli con il proprio contesto, ma anche con contesti diversi tramite certi ammicchi rivolti all’attualità globale. Il cinema sarà il testo e l’oggetto di studio centrale, ma verrà accompagnato da letture che rappresentano tempo ed essenza di quel particolare periodo.

Docente: prof.ssa MARISA CICCARELLI



Sede: Belgrano – Virrey del Pino 2750
Giorno e orario: lunedì dalle 19:00 alle 22:00
Data di inizio: 25/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 32-617-005


     Il gioco della verità
Giallo tra crimini, intrighi e misteri


Nel giallo si fa giustizia, si arriva alla verità, si scopre il colpevole. Ma è sempre così? La giustizia interessa a tutti? Vogliamo sempre arrivare alla verità? Vogliamo sempre avere un colpevole o abbiamo bisogno di un "mostro"? Chi sono i veri "mostri"? Un percorso graduale, dal poliziesco al noir e al thriller, per riconoscere le caratteristiche del giallo, capire psicologicamente il carattere dei personaggi e il loro rapporto, scoprire i segreti e interpretare le piste che gli autori mantengono degnamente nascoste, elaborare ipotesi. Non solo il detective farà l'investigazione, pure il lettore farà lo stesso lavoro. Le opere analizzate offriranno la possibilità di riflettere su altri temi presenti nel giallo: lo stato, la politica, la morale, la corruzione, i media, ecc. Durante il seminario si lavorerà con materiali diversi che svilupperanno le capacità di argomentare e di esporre le proprie idee sia nella lingua orale che scritta: giochi, audio, fumetti, racconti, fiction tv, serie, film, romanzo.

Docente: prof.ssa FLAVIA MUNNO



Sede: Belgrano – Virrey del Pino 2750
Giorno e orario: giovedì dalle 13:00 alle 16:00
Data di inizio: 28/03/2019. Sono 15 lezioni.
Codice del corso: 32-617-003